(IN) Netweek

MILANO

«Un’opportunità per l’Italia intera, per tornare competitiva»

Share

Dalla Valtellina alla Brianza, nel nome dell’autonomia. La Lega schiaccia sull’acceleratore e martedì scorso ha rivendicato ulteriormente la sua battaglia. Gli interventi del Carroccio sono stati quelli più pressanti e coloriti. «L’autonomia – ha osservato il capogruppo Roberto Anelli - non rappresenta solo un’opportunità per la Lombardia, ma anche per l’Italia intera, che seguendo la via del federalismo differenziato può tornare a essere finalmente competitiva». Ma c’è chi è stato meno diplomatico. «Non vogliamo più invidiare gli amici della provincia di Bolzano e i cugini del Cantone dei Grigioni – ha aggiunto Simona Pedrazzi – ma soprattutto non vogliamo più essere solo la patria dei pizzoccheri. Vogliamo essere conosciuti per aver fatto della montagna una opportunità di vita. Siamo di fronte alla storia: il regionalismo differenziato dovrà liberare energie per tutto il territorio». Incalzante anche Andrea Monti: «Sia chiaro: Roma non ci fa un regalo con l’autonomia. E’ un diritto della Lombardia e un dovere che abbiamo verso i cittadini. Spesso si dice che “piuttosto che niente, è meglio piuttosto”. Oggi invece non è più tempo del “piuttosto” e non è più tempo del “niente”. Vogliamo tutto e subito». Laconico Marco Mariani, ex sindaco di Monza, leghista della prima ora: «Abbiamo un ritardo di 30 anni sull’autonomia. E’ un fenomeno culturale, ma gira e rigira poi è una questione di soldi: senza soldi non si fa niente, soprattutto per gli ospedali e la sanità».

Leggi tutte le notizie su "Busto Arsizio"
Edizione digitale

Autore:czi

Pubblicato il: 21 Maggio 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si parla di:



Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.